Presentazione

Sia letteralmente che figurativamente, un viaggio passo dopo passo!

 

Con l'installazione di una mezza dozzina di pannelli lungo il porto, la Société de Développement du Pont (SDP) (la Società di Sviluppo di Le Pont) offre ora ai turisti un tuffo nella "Belle Époque" del villaggio Le Pont. La passeggiata dovrebbe estendersi una seconda volta intorno al villaggio. Un bel modo per scoprire il passato passeggiando.

 

L'idea di riabilitare i marciapiedi circola da diversi anni sul versante del villaggio Le Pont. Una nobile intenzione che è rimasta a lungo una lettera morta...

 

Nel novembre 2013, il progetto è riemerso, lo storico Rémy Rochat si è avvicinato al villaggio di Le Pont e alla Development Company, una bozza di un corso didattico etichettato "Belle Epoque" sotto il gomito.

 

Riprendendo i sentieri tracciati per gli ospiti del grand hotel, l'itinerario proposto ruota attorno a quindici pannelli che ripercorrono la vita del villaggio all'inizio del XX secolo. Partendo dalla stazione, la gita segue il porto, passa accanto alla chiesa e al Grand Hotel per terminare al Manoir des Hautes Roches.

 

L'idea è attraente e chiede solo di essere realizzata. Un comitato direttivo si è messo all'opera ed è stato nel febbraio 2014 che è stata ufficialmente avviata la pianificazione del progetto.

 

La finalizzazione del percorso, la preventivazione dell'intero e lo sviluppo di un dossier di presentazione e finanziamento essendo avvenuti con grande rapidità, i primi due pannelli vengono montati in autunno davanti alla Sala Grande. Persone di passaggio come i Combiers (gli abitanti della Vallée de Joux) possono scoprire l'importanza della chiesa allora situata al centro del villaggio, così come un omaggio al famoso pittore Tell Rochat.

 

All'inizio dell'estate 2015, la SDP sta passando alla marcia più alta e sulle piattaforme sono installate non meno di quattro immagini aggiuntive. In cartellone, Place de la Truite, l'industria casearia significativa per i suoi tempi, l'architettura segnata da alcuni sconvolgimenti e una lavagna luminosa sul lago di Joux.

 

Abbastanza ampio da soddisfare i vari attori e partner dell'iniziativa. In primo luogo, Rémy Rochat che ha fatto molte ricerche e che ha scritto i testi. La grafica è lasciata alla cura di Pierre-Abraham Rochat mentre la produzione dei supporti, in metallo o in legno a seconda delle location, è stata affidata ad artigiani della Vallée de Joux.

 

Stimato in quasi 60.000 franchi, l'intero progetto è finanziato sia dalle autorità pubbliche (Comune di L'Abbaye, SDP, abitanti e frazione del comune di le Pont) sia da diversi sponsor privati o istituzionali (Fondazione Paul-Edouard Piguet e Loterie romande, tra gli altri).

 

Temi dei pannelli (in francese)
Temi dei pannelli (in francese)

 

La gita Belle Epoque è arricchito da tre ulteriori pannelli, il primo dei quali si trova presso la stazione di Le Pont, inizio della passeggiata. Gli escursionisti possono scoprire la mappa e i dettagli del percorso, nonché le comunicazioni con la Vallée de Joux.

 

Situati rispettivamente ai punti 13 e 14 del suddetto percorso, gli altri due pannelli si riferiscono al viaggio di Johann Wolfgang von Goethe, il famoso poeta tedesco che scoprì la regione nel 1779 nonché al sentiero alpino che si snoda attraverso la valle Sagne-Vuagnard fino alla cima del Dent de Vaulion.

 

Il 30 giugno 2018 vede finalmente l'inaugurazione ufficiale della gita Belle Epoque.

 

Testo tradotto in italiano da Google Translate